A Montefiascone si scatena la Fiera del Vino!

in viaggio con Ci Sono Stato in Italia
torna alla mappa

In ricordo di un episodio di quasi mille anni fa, ogni anno nelle prime due settimane di agosto si esalta il nettare di Bacco!LA CITTA'
Montefiascone si trova a 15 km da Viterbo ed è situato sulla S.S. Cassia (km 98) che prosegue poi per Siena ed oltre; a meno di 25 km c'è Orvieto che funziona da collegamento con l'autostrada Firenze-Roma.
La città è posta in cima ad un colle sul fianco del cratere del Lago di Bolsena a 640 metri di altezza sul livello del mare e da questa posizione privilegiata si ha visione di un paesaggio ineguagliabile, che va dal Mar Tirreno alla Maremma, dai Monti dell'Umbria ai Cimini, dai Monti della Tolfa alla conca del lago con le sue bellissime isole Martana e Bisentina. La fertile vallata che lo contorna racchiude orti, uliveti, vigneti che danno luogo alla produzione vinicola dell'acclamato Moscatello denominato "Est!Est!!Est!!!"
Il Territorio di Montefiascone risulta frequentato e abitato sin da epoche remote: gli Etruschi la consideravano area sacra, forse sede del leggendario Fanum Voltumnae, centro politico e religiso, nel quale si riunivano i lucumoni etruschi. Le testimonianze romane sono cospicue ed in buone condizioni, legate fortemente alla consolare Cassia che fungeva da collegamento tra Roma, il centro d'Italia, il nord della Pianura Padana fino alla Francia (da qui l'appellativo "Via Francigena").
In virtù della posizione strategica della zona i Papi ed i Vescovi di Roma fecero fortificare il centro abitato nel quale confluirono dalle campagne molte persone per difendersi dalle frequenti incursioni barbariche; le mura furono dotate di un'imponente Rocca, nella seconda metà del 1200, ma durante il Rinascimento le esigenze militari resero necessarie molte modifiche alla struttura originale.
I lavori per la fortificazione della città proseguirono nei secoli e ad essi si interessarono molti pontefici; oggi la Rocca dei Papi, restaurata ed abbellita, è spesso utilizzata per manifestazioni culturali. Dal 1058 fin quasi alla fine del 1500 a Montefiascone si susseguirono più di trenta papi diversi, imperatori e personaggi illustri. Questi vi soggiornarono per periodi più o meno lunghi, vi convocarono parlamenti o vi si recarono per i soggiorni estivi.
Importante eminenza architettonica è pure la Basilica romanico-gotica di S.Flaviano. Sorta nell'XI secolo sui pressi dell'antica chiesa di S.Maria, ha la facciata rivolta in direzione dell'antico percorso della Via Francigena, arricchita da una loggia rinascimentale dalla quale i papi si affacciavano per benedire la folla.
All'interno, nella terza cappella della navata sinistra è visibile una lapide in onore di Giovanni Defuk, nome legato alla storia del vino di Montefiascone.

LA FIERA DEL VINO
La città deve la sua notorietà, oltre alla storia e all'invidiabile posizione, alla produzione e al commercio dell'ottimo e famoso vino Est!Est!!Est!!! e dell'olio extra vergine d'oliva. E' meta gastronomica apprezzata, come testimoniano i ristoranti e le innumerevoli trattorie presenti. Nel mese d'agosto si svolge un'importante Fiera del vino, con esposizione e commercio dei migliori prodotti di tutto il comprensorio, come il locale "Est! Est!! Est!!!", l'Aleatico di Gradoli o la Cannaiola di Marta.
"In cantina con Defuk" è l'itinerario eno-gastronomico per le vie del centro storico, con degustazione del vino e dei prodotti locali nelle cantine tipiche addobbate per l'occasione con oggetti di artigianato locali e composizioni floreali. Alcuni spettacoli di arte varia e manifestazioni sportive accompagnano lo svolgimento della fiera.
Il Corteo storico, con circa duecento personaggi tra i quali dame, arcieri, maestri d'ascia e alabardieri, si tiene in agosto, nell'ambito della Fiera del Vino.
Particolare interesse suscita il passaggio del corteo nelle prime ore della notte attraverso le vie strette e tortuose del centro storico, alla luce delle fiaccole, che rendono la scena più suggestiva. Ulteriore attrazione sono i giochi medievali: la "Corsa delle Botti in salita" e la "Gara della Pigiatura", oltre ai balletti medievali e agli spettacoli degli Sbandieratori.
E'la rievocazione leggendaria del viaggio e della morte per troppo vino di Giovanni Defuk. Si narra che nel 1111 un gruppo imperiale comprendente scudieri, cavalieri, dame, nobili, pellegrini e prelati, mercanti fossero diretti a Roma per l'incoronazione di Enrico V. Ne faceva parte anche un abate Giovanni Defuk, bevitore e amante della buona tavola, preceduto dal suo fedele servitore Martino che aveva il compito di segnalare, lungo il percorso, i luoghi ove era disponibile un buon vino. Dove lo trovava doveva scrivere sulla porta "Est!" ,ovvero "c'è" in latino, e doveva raddoppiare l'esclamazione se il vino fosse stato ottimo.
Giunto a Montefiascone l'assaggio del Moscatello del posto convinse Martino a rafforzare l'affermazione con la triplice esclamazione "Est! Est!! Est!!!". La cosa non sfuggì a Defuk, il quale, al ritorno da Roma, decise di fermarsi per sempre a Montefiascone ove morì, si dice, per il troppo bere. Le sue spoglie furono composte nella Chiesa di San Flaviano e la sua tomba riporta un singolare epitaffio: "Per il troppo Est qui morì il mio signore", scritto dal servitore Martino.

Per informazioni:
Comune di Montefiascone
Largo Plebiscito, 1
01027 Montefiascone (VT) Italy
Tel. ++39 076183201
info@comune.montefiascone.vt.it


Per le notizie riportate, si ringraziano i siti
http://www.comune.montefiascone.vt.it/turismo.htm
http://www.lagodibolsena.org/montefiascone.html
Per la foto, si ringrazia:
http://www.lagodibolsena.org

Lascia un commento
Per inviare commenti è necessaria la registrazione
Vai alla pagina di registrazione
Seguici su Facebook